Skip to the main content.

2 minuti di lettura

HDT e VICAT: i test termici di flessione e penetrazione spiegati bene

hdt e vicat

Material testing - Thermal testing

L’esigenza di avere dati certi derivanti da prove ripetibili e che possono essere usati dai progettisti per la scelta del materiale è la principale motivazione per cui nel tempo si sono sviluppati una serie di test normati per caratterizzare i materiali.

 

Che cosa sono le prove in temperatura?

Una di queste tipologie di test riguarda le prove in temperatura. Esse sono particolarmente importanti per comprendere e descrivere il comportamento termico dei polimeri, le cui proprietà possono variare marcatamente al variare della temperatura. In questi test vengono verificate e quantificate le temperature di deformazione e rammollimento dei materiali polimerici.

 

Metodo Vicat

Una di queste tipologie di test riguarda le prove in temperatura. Esse sono particolarmente importanti per comprendere e descrivere il comportamento termico dei polimeri, le cui proprietà possono variare marcatamente al variare della temperatura. In questi test vengono verificate e quantificate le temperature di deformazione e rammollimento dei materiali polimerici.

 

metodo vicat schema  metodo vicat

Nell’immagine si può vedere uno schema dell’apparato di test con evidenziato il punzone che applica il carico al componente (numero 3). A destra è riportato un macchinario di test a 6 stazioni indipendenti. La norma di riferimento per questo test è la ISO 306.

 

Metodo HDT

Il metodo HDT presenta alcune similitudini con il metodo Vicat, in quanto anche in questo caso il provino è immerso in un bagno termostatico. Cambia però la tipologia di provino, che è solitamente una bacchetta prismatica, e la modalità di sollecitazione del componente, in quanto viene testato a flessione, con una forza applicata costante. La temperatura di HDT viene raggiunta quando la deformazione del provino eccede 0,2% di deflessione.

metodo HDT

Nell’immagine possiamo vedere un provino durante la prova (a sinistra) e a prova conclusa (a destra) dopo una deformazione di 0,25mm. Esistono 3 diverse prove denominate A - B - C in base ai carichi a cui viene sottoposto il provino, rispettivamente 1,8 MPa - 0,8 MPa - 8 MPa. La norma di riferimento per questo test è la ISO 75. Questa prova ci fornisce informazioni importanti per determinare le temperature di utilizzo impiegabili per un dato materiale e ci permette inoltre di confrontare in modo diretto e ripetibile diversi materiali. 

 

Il comportamento di un dato materiale al variare della temperatura è estremamente importante per identificare come realizzare il proprio progetto. Per questo in Weerg, testando tutti i nostri materiali, abbiamo un dato univoco che rappresenta un benchmark di comportamento tra differenti materiali. Potete visionare le tabelle comparative dei materiali qui.


Se avete ancora dubbi, domande o necessitate informazioni aggiuntive, il nostro team di esperti è gratuitamente a vostra disposizione per supportarvi nella scelta: contattateli qui per parlargli del vostro progetto e dei dubbi che avete relativamente al materiale di realizzazione.

harley davidson personalizzata

2 minuti di lettura

Harley Davidson customizzata

La collaborazione tra Weerg e BeFuel rappresenta un esempio significativo di come l'innovazione tecnologica della stampa 3D MJF possa rivoluzionare e...

Leggi l'articolo
Tornio

2 minuti di lettura

Il Tornio

Il tornio è una macchina utensile fondamentale nella lavorazione dei materiali, principalmente metalli, utilizzata per eseguire operazioni di...

Leggi l'articolo
stampa 3d industriale

3 minuti di lettura

Stampa 3D industriale

La stampa 3D sempre di più sta permeando la nostra quotidianità, trovando applicazione in una vasta gamma di settori, dai pezzi di design agli...

Leggi l'articolo