Skip to the main content.

1 minuti di lettura

PEEK: proprietà meccaniche, tecnologia, impieghi

peek stampato in 3d

Cos'è il PEEK?

Il PEEK (polietere etere chetone) è un polimero termoplastico organico appartenente alla famiglia dei polieterchetoni, denominati spesso re dei polimeri, grazie ad un fantastico mix di altissime proprietà meccaniche, termiche e chimiche.

Quali sono le proprietà del PEEK?

Presenta una resistenza alla trazione con valori che approcciano i 100 MPa, come alcune leghe non ferrose ma con una bassa densità di 1,30 g/cm^3 contro i 2,8 g/cm^3 delle leghe leggere di alluminio. L’unione dell’alta resistenza meccanica e della bassa densità lo rendono un candidato formidabile per sostituire leghe metalliche, consentendo allo stesso tempo di realizzare geometrie complesse grazie alla versatilità della fabbricazione additiva.

peek proprietà

 

Come si lavora il PEEK?

Il PEEK infatti, seppur difficile da processare, si presta alla fabbricazione additiva di tipo FDM a filamento. La stampante necessita di temperature di lavoro molto elevate di oltre 400°C di ugello e almeno 70°C di camera riscaldata, non raggiungibili dalle macchine consumer. Inoltre questa tecnologia, implementata in stampanti industriali, permette di creare i supporti di un materiale dedicato e facilmente rimuovibile alla fine del processo di costruzione. Questo elimina i vincoli progettuali dettati da sottosquadri, canali interni e geometrie complesse.

Quali sono gli stati del PEEK?

Il PEEK può avere due diversi stati cristallini:

Peek stato amorfo

  • amorfo - riconoscibile dal colore ambrato è caratterizzato dalle catene che lo formano disposte in modo non ordinato. Si differenzia per una maggiore duttilità e resistenza agli impatti, ma con una temperatura massima di utilizzo più bassa.

  • semicristallino -riconoscibile dal caratteristico color pelle, ha proprietà meccaniche e chimiche leggermente migliori ma esibisce un comportamento più fragile. È lo stato ideale per applicazioni ad altissime temperature in quanto arriva a resistere fino anche a 250°C.
    Peek stato semi cristallino

 

 

 

 

 

 

Confronto tra le due finiture di PEEK

PEEK Amorfo

(Top Mechanical)

PEEK Semicristallino

(Top Mechanical)

Carico di Rottura [MPa] 70 100
Allungamento [%] 12 9
Temperatura di distorsione termica [HDT 0,8 MPa] 145 180

 

Per cosa viene utilizzato il PEEK?

Questo interessante polimero viene usato in vari ambiti in cui i componenti sono impiegati in condizioni gravose e in ambienti difficili, come l'aerospazio per la fabbricazione di componenti strutturali, cover, isolamenti oppure in ambito medicale in quanto considerato biomateriale avanzato, in impianti e protesi.


Potete visionare le schede tecniche del PEEK e se pensate che il sia il materiale giusto per il vostro progetto, potete valutare subito il costo caricando il vostro file qui.

Se avete ancora dubbi, domande o necessitate informazioni aggiuntive, il nostro team di esperti è gratuitamente a disposizione per supportarvi nella scelta: contattateli qui per parlare del vostro progetto e dei dubbi che avete relativamente al materiale di realizzazione.

Stampante a resina

2 minuti di lettura

Stampante 3D resina o filo?

Le stampanti 3D hanno rivoluzionato il modo in cui concepiamo la produzione e la prototipazione, offrendo possibilità praticamente illimitate per...

Leggi l'articolo
pezzi peek stampato 3d

4 minuti di lettura

Stampa 3D PEEK: tutto quello che serve sapere

La famiglia dei PAEK (poliarileterchetoni), di cui fa parte il PEEK, è nota per le sue elevate proprietà termomeccaniche ed è in cima alla lista dei...

Leggi l'articolo
piastra di costruzione per la stampa 3d resina

6 minuti di lettura

Che cos'è la stampa 3D in resina?

Come funziona? A cosa serve?

Leggi l'articolo